Raggi UV-C per disinfettare le aule delle scuole

 In Articles
È

noto come l’irradiazione solare sia sempre igienicamente benefica, perché si manifesta soprattutto con la distruzione dei microbi patogeni dell’aria. L’azione battericida del sole è dovuta ai raggi attinici, ed è tanto più potente quanto minore è la loro lunghezza d’onda.

I più corti raggi ultravioletti che rappresentano la partefisiologicamente più attiva dello spettro solare, vengono però ad essere assorbiti durante il passaggio dell’atmosfera; giungono a noi, invece, quelli più lunghi dotati soltanto di proprietà stimolanti che diventano lesive soltanto ad esposizioni prolungate. Cioè, l’effetto battericida, come anche quelloeritematogeno ed il fotochimico, vengono ad essere strettamente legati ai fattori tempo ed intensità per un periodo breve.

Ed è tutto qui il problema della disinfezione dell’aria, poiché le infezioni che attraverso l’aria “respirata”, si propagano con una rapidità che può chiamarsi “esplosiva” e sono quelle che maggiormente incidono nelle comunità (circa il 65 per cento), specie se affollate o quasi, come aule scolastiche, luoghi di riunione, ecc. ecc.

La soluzione consiste nel poter eliminare o disperdere i germi ed i virus velocemente e continuamente appena essi escono dai nasi, dalle gole, dai fazzoletti e dagli abiti di chi occupa gli ambienti, in modo da ridurre fortemente l’occasione che attraverso l’aria passino da un malato o portatore sano ad un soggetto recettivo. Ne deriva logicamente che l’intensità di radiazione deve essere tale da assicurare una distruzione di germi praticamente utile nel giro di secondi, o tutt’al più di pochi minuti primi. Le ricerche su potere battericida dei raggi ultravioletti, pur risalendo a più di mezzo secolo addietro, si sono definite in questi ultimi anni con prove sperimentali e documentazioni pratiche.

In genere, secondo naturalmente gli usi e gli ambienti, le modalità di applicazioni fondamentali sono tre: sul soffitto, o sulle pareti laterali dell’ambiente per irradiare l’aria sopra una determinata altezza e qualche volta per l’irradiazione dei pavimenti o dell’aria al di sotto, 50-60 cm. dal pavimento stesso (scuole, locali riunioni, ecc.); in condotti chiusi per irradiarvi l’aria passante (impianti d’aria condizionata osemiconvenzionata); montatura di apparecchi sul soffitto o sulle pareti laterali per irradiare tutta l’aria di una stanza direttamente o muniti di deflettori se si vuole limitare l’irradiamento a cortine o barriere germicide per le sale operatorie e per le celle frigorifere.

Post recenti

A.D.P. Idrosteril sterilizza ambienti, superfici, prodotti alimentari e non, e potabilizza acqua primaria e di processo con la tecnologia dei raggi ultravioletti.

Dal 1951